Se non fosse che è tutto vero e ci sono di mezzo le istituzioni ci sarebbe da ridere: a Milano Marittima, nota località balneare della costa romagnola, commercianti e istituzioni chiedono di reprimere il fenomeno degli addii al celibato

A Milano Marittima, comune di Cervia, va in scena una specie di film comico. In realtà, secondo i commercianti della nota località balneare della riviera romagnola, ci sarebbe poco da ridere per via del dilagare di questo fenomeno, o meglio, malcostume. Stiamo parlando degli addii al celibato, feste private che vengono sempre più spesso organizzate a Milano Marittima anche in piena stagione estiva. Feste che provocano imbarazzo e disagi, sia ai turisti sia ai commercianti dell’importante località turistica della costa ravennate. Ma cerchiamo di capirne di più, a partire proprio dalle parole di Confcommercio, scesa in campo a Milano Marittima proprio per tutelare gli interessi dei propri associati.

A Milano Marittima Polizia Locale e Carabinieri contro gli addii al celibato

Sull’iniziativa è d’accordo anche il sindaco di Cervia, Luca Coffari. A quanto pare, dietro il proliferare di queste feste di addio al celibato ci sarebbero alcune agenzie specializzate. Un business, quindi, che secondo i commercianti danneggerebbe però l’immagine (e gli affari) a Milano Marittima. “Verrà spedita agli imprenditori una circolare, oltre che un comunicato congiunto, con cui si stigmatizzano gli stessi addii”, ha scritto il Corriere di Romagna, quotidiano locale che più volte si è occupato della vicenda.

Milano Marittima Confocommercio contro gli addii al celibato

E mentre Confcommercio ha promesso alle istituzioni un dossier sul fenomeno, apprendiamo che Polizia Locale e Carabinieri effettueranno pattugliamenti specifici per reprimere il fenomeno degli addii al celibato. Ma quale sarebbe il reato da reprimere, ci chiediamo? Forse il disturbo alla quiete pubblica, molto spesso inevitabile quando si fanno feste serali a base di musica e divertimento.

Non vogliamo pensare agli “atti osceni in luogo pubblico”, anche se le goliardate degli addii al celibato a volte sconfinano nel trash e nel volgare. Confcommercio parla apertamente di degrado e nell’incontro con il Sindaco di Cervia (di cui Milano Marittima è frazione) ha rimarcato come sul web circolino “messaggi, foto e promozioni relative a questo target, tanto che la località ne sta diventando sempre più la meta preferita, mettendo in serio pericolo lo sforzo della Amministrazione di rilanciare il prodotto turistico”.

(foto repertorio)

Categories: dalle città News