Molto probabilmente un malore mentre praticava kitesurf: sarebbe questa la causa della morte di Federico Laudani, 31enne di Latina deceduto sabato 30 giugno 2018 allo Stagnone di Marsala, in Sicilia

Potrebbe essere stato un malore a causare la morte per annegamento di Federico Laudani, 31enne di Tivoli (Roma) deceduto allo Stagnone di Marsala, in Sicilia, mentre praticava kitesurf. Il 31enne di Tivoli, come centinaia di altri appassionati provenienti da tutta Italia, si trovava presso lo Stagnone di Marsala per praticare kitesurf. La località sicula è infatti tra le mete più ricercate dagli appassionati di questo sport, anche stranieri. Federico era in acqua nel primo pomeriggio di ieri, sabato 30 giugno 2018, quando ha accusato il malore. E’ caduto in acqua: chi ha assistito alla scena ha compreso immediatamente la difficoltà del giovane e i soccorsi sono stati immediati. Portato a riva dai bagnini è stato poi soccorso dal 118, ma il medico intervenuto non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

federico laudani kitesurf morto

Sul posto oltre ai soccorsi sanitari ad ai Carabinieri della Compagnia di Marsala è intervenuta la Capitaneria di Porto: sono proprio i militari dell’Ufficio Circondariale di Marsala, coordinati dal Tenente di Vascello Pontillo, che hanno riferito dell’accaduto all’autorità giudiziaria. Per il momento non ci sono ancora certezze sulle cause della morte di Federico Laudani, tuttavia come detto l’ipotesi più accreditata è quella di un malore nonostante la giovane età e l’abituale pratica sportiva. (immagini di repertorio)

Leggi anche –> Napoli, incendio in abitazione del centro: morta un’anziana donna

Categories: cronaca nera News