Concluso il processo d’appello per il crac dell’ex Credito Cooperativo Fiorentino: Denis Verdini, ex esponente di Forza Italia e poi senatore di ALA, è stato condannato oggi a 6 anni e 10 mesi di carcere

Firenze, 3 luglio 2018 – Sei anni e dieci mesi: a tanto ammonta la condanna per Denis Verdini rimediata nel processo d’appello per il crac dell’ex Credito Cooperativo Fiorentino. La sentenza dei giudici della Corte d’Appello del capoluogo toscano è arrivata oggi dopo quasi tre ore di camera di consiglio. Verdini, tra i fondatori di Forza Italia ed ex senatore di Ala, è stato presidente della banca di Campi Bisenzio dal 1990 al 2010. In primo grado Verdini era stato condannato a nove anni. Cinque anni e dieci mesi ciascuno, invece, la condanna inflitta a Riccardo Fusi e Roberto Bartolomei.

La Corte d’appello di Firenze ha inoltre accolto la richiesta di  patteggiamento per Pietro Italo Biagini:  l’ex dg dell’istituto è stato condannato a 3 anni e 10 mesi, mentre in primo grado aveva avuto 6 anni per bancarotta fraudolenta. Patteggiamenti accolti anche per numerosi membri del cda e del collegio dei revisori dei conti a 1 anno e 8 mesi. Per Verdini i pg Fabio Origlio e Luciana Singlitico avevano chiesto una condanna a otto anni di reclusione. All’ex senatore veniva contestata anche l’associazione a delinquere, per il quale l’ex senatore di Ala era stato assolto in primo grado. I suoi difensori, gli avvocati Ester Molinaro e Franco Coppi, avevano invece chiesto per lui la piena assoluzione. «È bastato il nome di Verdini, purtroppo, per la colpevolezza», hanno sempre sostenuto i suoi legali che faranno senza dubbio ricorso in Cassazione.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.